Tuesday, March 3, 2020

The Surgeon... is here!!!

https://www.dropbox.com/s/x3juy6yhohhhxui/Female%20Transport%20Ste%20Play%20UWM%20Peck%20School%20of%20the%20Arts%2020200226-0301.pdf?dl=0

Written by Steve Gooch (1972), Directed by Bill Watson
Scritto da Steve Gooch (1972), Diretto da Bill Watson

This stark, hard hitting drama details the journey of six women convicted of petty crimes and sentenced to hard labor in Britain’s penal colonies “down under.”
Questo dramma violento e incisivo racconta il viaggio di sei donne colpevoli di reati minori e condannate ai lavori forzati nelle colonie penali britanniche "agli antipodi".

https://www.dropbox.com/s/x3juy6yhohhhxui/Female%20Transport%20Ste%20Play%20UWM%20Peck%20School%20of%20the%20Arts%2020200226-0301.pdf?dl=0 

Stefano (Surgeon) is a Sophomore in our BFA performance program and is also minoring in Italian. He performed in Farce or Nature (Carmine DeLuca), A View from the Bridge (Rodolpho), and Front (JC Smutts) at Indian Trail High School and Academy. After graduation, Stefano hopes to bring artists together to form diversified groups with similar aspirations but varying points of view to make decisions that will shape the road for generations to come.
Stefano (Il Medico) e' uno studente al secondo anno del Corso di Laurea in Recitazione (BFA) di UWM (Universita' del Wisconsin - Milwaukee); con specializzazione secondaria in Italiano. Ha recitato in Farce of Nature (Carmine DeLuca), A View from the Bridge (Rodolpho), e Front (JC Smutts) al Liceo e Accademia di Indian Trail. Dopo la Laurea, Stefano spera di poter aggregare artisti per formare gruppi diversificati con aspirazioni simili ma differenti punti di vista per prendere decisioni che segneranno il cammino per le future generazioni.

Friday, March 1, 2019

Thursday, February 28, 2019

PooPrint

La prima volta che siamo venuti negli USA con i nostri figli, nel febbraio 2008, le due cose da cui sono rimasti colpiti maggiormente sono state: le macchine che si fermano quando dei pedoni vogliono attraversare la strada e poter camminare a testa alta senza il rischio di pestare qualche cacca di cane.Ho sempre detestato le cacche dei cani in giro. Ho sempre trovato estremamente "cafone" da parte dei proprietari dei cani non pulire "dopo" i loro cani (come si dice qui: "clean after your dog").

Pochi giorni fa abbiamo ricevuto un avviso da parte degli amministratori del quartiere.


In poche parole esiste un programma che si chiama PooPrints (letteralmente "impronta della cacca"). Gli amministratori del quartiere richiedono a tutti gli abitanti in possesso di cani di fornire un campione di DNA del proprio cane, questo DNA verrà inserito in un registro nazionale, che quindi sarà valido ovunque negli USA, e se verranno trovate altre cacche il DNA verrà confrontato con quelli nel registro e il padrone multato di $150 (circa 132€). Qual'ora il proprietario del cane non fornisse il DNA verrà multato di $250 al mese finché non fornirà il campione.

E' una cosa seria e io l'approvo in pieno, però ammetto che mi ha fatto sorridere: è davvero così difficile raccogliere la cacca del proprio cane? A me farebbe schifo, lo ammetto, ma io non ho (e mai avrò) un cane!

Saturday, February 16, 2019

Il Medieval Menestrello Incocciato

“Or tu chi se', che vuo' sedere a scranna,
per giudicar di lungi mille miglia
con la veduta corta d'una spanna?”
(Paradiso, XIX)

Lodevole l'impegno... ma io mi sono indignato!

Monday, February 11, 2019

Monday, February 4, 2019

I Pinguini cambiano casa!

Il nostro augurio di Buon Anno ci è arrivato dall'agente immobiliare che gestisce l'appartamento in cui viviamo dal 15 Dicembre 2011: "Dovete lasciare l'appartamento entro il 28 Febbraio perché i padroni vogliono metterla in vendita, a meno ché non siate interessati voi." E noi non siamo interessati a comprare.
Quindi la sera stessa del nostro rientro dalle vacanze natalizie italiane, abbiamo dato il via alla ricerca di un nuovo tetto. Il giorno dopo io ho cominciato il mio vagar di casa in casa, di appartamento in appartamento. Sempre più demoralizzata.
Le nostre esigenze erano di 2 bagni e 3 camere. Ma pare impossibile: o erano tutte occupate, o erano 3 camere e 1 bagno (giammai!) o 2 camere e 2 bagni e troppo piccole. O peggio: sui vari siti vedevamo le foto delle case ma quando ci presentavamo sul luogo per guardarle... abbiamo realizzato quanto photoshop può fare!
Ad un certo punto mi sono anche permessa di sognare: avevamo trovato una casa: 3 camere e 2 bagni proprio in riva al Lago. Sarebbe stato il mio sogno: una finestrona proprio con vista Lago. Già mi immaginavo la mia scrivania lì. E invece no: qualcuno è arrivato prima di noi garantendo una permanenza di almeno 2 anni.
Insomma, alla fine ho cominciato a cercare 2 camere e 2 bagni ma che avesse una dimensione accettabile: dopo 7 anni in una casa spaziosa e con due figli, di cose ne abbiamo accumulate parecchie. Ed è stata anche una buona occasione per fare qualche macchinata carica di vestiti, libri e altra roba da portare al Goodwill (si tratta di un'organizzazione che prende merce in buono stato dai donatori e la rivende a prezzi BASSISSIMI - dopo averla accuratamente lavata e sistemata - e dà lavoro a quelle persone che hanno difficoltà a trovarne).

Alla fine, dopo due settimane di ricerche, di sfinimento, di stress, di tristezza, abbiamo finalmente trovato la giusta soluzione. E a poche centinaia di metri da quella precedente. Due camere e due bagni ma con un garage molto grande e una zona giorno spaziosa. Noi genitori abbiamo preso la camera più piccola perché tanto noi la usiamo solo per dormire, lasciando ai ragazzi quella più grande con un ampio walk-in-closet e il bagno ad accesso esclusivo. Ecco alcune foto sperando che possano rendere l'idea. Vedrete i muri ancora spogli e qualche scatola ancora in giro, ma il più è fatto e in meno di una settimana dal trasloco!
Ovviamente il giorno stesso del trasloco, nel giro di meno di 15 minuti, con una telefonata, avevamo internet e la fornitura di luce e gas spostata da una casa all'altra!!! 

La porta di ingresso (vista dall'interno perché fa ancora freddo!) e, sulla destra, la porta del garage

La casa è sul secondo piano e sotto c'è solo il garage

Qui sulla destra l'armadio per i cappotti

L'angolo dove mangiamo

Il mio divano dove mi stendo a leggere e nell'angolo la mia scrivania. Qui sulla sinistra l'angolo di Big Papi

Il mio regno: la cucina!

Il corridoio con sulla sinistra il vano con lavatrice ed asciugatrice, sulla sinistra un armadio a muro e in fondo le camere

Il bagno per gli ospiti


La camera di Mom e Big Papi

L'armadio a muro

La camera dei ragazzi vista dal corridoio

Il letto della principessa e il divano letto del principino (quando ci onora della sua presenza)
Il loro armadio...

Il loro bagno

Il corridoio visto dall'altra parte
Tipica casa americana. Per le foto della vista esterna vi rimando al mio profilo Instagram!

Thursday, January 31, 2019

Altro che Penguinland...

Li chiamano i giorni della Merla (se avete voglia leggetevi qui la locuzione del detto) che sono gli ultimi 3 giorni di Gennaio e sono i più freddi. EH SI'! E' proprio vero!!!

Già dallo scorso venerdì 25 gennaio le temperature hanno cominciato a scendere in picchiata raggiungendo -15°C e noi dovevamo prepararci per il trasloco (i dettagli in proposito nel post successivo). Ma i Pinguini non temono il freddo e, organizzatissimi, con solo gli occhi scoperti, abbiamo affrontato anche un trasloco con queste temperature polari mentre il sudore si ghiacciava sulla pelle. E gli amici che ci mandavano messaggi di solidarietà!

Una volta traslocata la roba, il freddo ci faceva un baffo perché spostare roba da una stanza all'altra, svuotare scatoloni e montare i mobili, ci si scalda parecchio. E intanto siamo arrivati a lunedì 28 quando il Polar Vortex ha cominciato a dare il meglio di sé: scuole chiuse per una bufera di neve, anche il college. Quindi tutti a casa! Tanto non ci siamo annoiati che da fare ne avevamo. Martedì la vita riprende regolare... più o meno perché verso le 5 del pomeriggio è arrivata la comunicazione che il giorno dopo le scuole sarebbero rimaste chiuse per il troppo freddo. Mia figlia già urlava di gioia al pensiero di poter dormire fino a tardi l'indomani...
E INVECE NO!
Alle 6:20 del mattino, mentre serenamente giacevo nel caldo lettone, sento la caldaia che si spegne e tutte le luci esterne intorno a noi si spengono nello stesso istante... con terrore e orrore realizzo che l'intera zona è al buio... ma soprattutto AL FREDDO... che si fa? Tutti dormono ancora ma io cerco la giusta soluzione. Acchiappo il telefono e cerco di capire cosa sta succedendo e se c'è una previsione di ripresa. Intanto mi messaggio con un'amica qui di Kenosha per altri motivi e le racconto cosa sta succedendo e lei, con molta gentilezza, mi dice di vestirci e andare da lei che lì tutto funziona. Nel frattempo fuori eravamo a -30° e in casa eravamo a 15°. Senza nemmeno poterci fare una tazza di tè perché qui è tutto elettrico...
E così raccogliamo baracche e burattini e ci prepariamo al peggio. Fortunatamente intorno all'1 del pomeriggio siamo potuti rientrare a casa. Ancora freddina ma almeno tutto funzionava e con l'aiuto di una stufetta elettrica siamo riusciti ad affrontare la giornata.
Ieri sera io e mio marito siamo andati a fare un giro al Walmart...
IL REPARTO VERDURA...
POLLAME E SUINI
REPARTO FORMAGGI
REPARTO CARNI
Allora sono andata a cercare dei surgelati: c'erano solo più pizze e gelati...
Ce la siamo cavata con delle zuppe pronte!

Ah, per la cronaca, nel frattempo è arrivato l'avviso che anche oggi le scuole sarebbero rimaste chiuse!
Stamattina siamo arrivati a -31° (si tratta sempre di temperatura effettiva perché, per effetto del vento, quella percepita è arrivata anche a -40°) e ora stiamo risalendo. Nel fine settimana saremo addirittura su valori al di sopra dello 0... PRIMAVERA!
Non so che notizie siano arrivate in Italia ma se anche mio padre, allarmato, mi ha telefonato per avere notizie, direi che sono giunte notizie allarmanti! 😂😂😂