CHI SIAMO

Italo Calvino disse:
"Il luogo ideale per me è quello in cui è più naturale vivere da straniero"
La famiglia dei pinguini è composta da 4 persone, proprio come nella foto qui sopra: (in ordine di età) mamma pinguina, papà pinguino, figlio pinguino e figlia pinguina. 

Io sono mamma-pinguina, una dei due autori di questo blog.
Una volta lavoravo nel settore IT di un'azienda di consulenze informatiche. Inizialmente full-time poi, con l'arrivo dei pinguini-figli, part-time. Con la crisi economica (si lo so che come scusa regge poco ma... loro ce l'hanno passata così!) ero nel primo gruppo in uscita. Inizialmente presa malissimo ho poi scoperto un nuovo mondo aprirsi davanti a me, ben poco remunerativo, anzi per nulla, ma decisamente più gratificante: FARE LA MAMMA FULL-TIME!

Il co-autore del blog è papà-pinguino. Lui è quello più spiritoso, quello che fa i post che fanno morire dal ridere. Io sono quella seria del gruppo! (o noiosa secondo il punto di vista di qualcuno!).

Accanto a noi da quasi 12 anni c'è pinguino-figlio giunto fra noi il 19 maggio del 2000!

E dopo 2 anni, a fargli compagnia e a de-tronizzarlo, il 22 maggio 2002, è giunta pinguina-figlia.

Il 27 giugno 2011 la famiglia di pinguini è atterrata sul suolo americano per cominciare una nuova splendida avventura. Praticamente ricominciando daccapo. E' un po' come essere rinati... in tutti i sensi.

I due pinguini-figli hanno cominciato a settembre la scuola qui in America. 4th grade la pinguina e 6th grade il pinguino.

Quest'avventura ci sta dando ogni giorno nuove e consolidate gioie. Unico "neo" è la lontananza da alcune persone a noi care, famiglia e amici. Ed è per questo che abbiamo deciso di approfittare della tecnologia moderna creando questo blog: CONDIVIDERE questa vita con chi non può viverla insieme a noi.

Benediciamo l'esistenza di strumenti come questo, come facebook e come skype che ci aiutano a "sentirci" meno lontani dagli affetti.

Perché siamo dei pinguini? Perché era segnato nel destino!
Tutto è cominciato quando i primi cenni del primo inverno qui si sono fatti sentire, e forse anche gli ultimi viste le temperature attuali: postavo sulla mia bacheca di facebook le temperature e alcune mie amiche ci hanno soprannominato "una famiglia di pinguini nel Wisconsin".
Ed era segnato dal destino perché i pinguini-figli, ignorando quale sarebbe stato il nostro futuro, a Natale del 2010 hanno preparato uno splendido regalo per mamma-pinguina, un regalo che l'ha fatta piangere: un igloo e una famiglia di pinguini fatta con le loro manine usando il DAS e la tempera. Quella che vedete in foto e che, DISGRAZIATAMENTE, ho dimenticato in Italia... accidentaccio!

AGGIORNAMENTO: 
I PINGUINI DELLA FOTO, QUELLI FATTI COL DAS DAI PINGUINI CHILDREN, SONO ARRIVATI IN WISCONSIN !!! GRAZIE ALLA SISTER DELLA PINGUINA MAMMA, SONO STATI INSERITI IN UNA SCATOLA E SPEDITI. ALL'ARRIVO ABBIAMO DOVUTO EFFETTUARE UN PAIO DI OPERAZIONI CHIRURGICHE PER RIATTACCARE UN PIEDE E UN OCCHIO, MA ORA SONO QUI, CON NOI!!!

Ecco perché dico che era segnato nel destino: dovevamo "pinguinizzarci"!!!

18 comments:

  1. ma che bello quel regalo! sono stati B R A V I S S I M I! adoro questi cerchi del destino

    ReplyDelete
  2. Complimenti per la scelta!! Lo abbiamo fatto anche noi!!! Ma siamo lontanucci da voi (Reno, NV).... Una curiosità, sei anche su Facebook? Mi piacerebbe chiedervi l'amicizia e, ogni tanto, chiacchierare. Se ci siete (e non ti secca) puoi mandarci l'invito a Sierra Italia (Reno, NV), che poi è la nostra azienda. Per ora ti seguo con il mio blog...
    Ancora complimenti!!!
    Saluti,
    Lorena

    ReplyDelete
  3. Complimenti per l'avventura!!

    Vi andrebbe di condividerla su Italiansinfuga tramite intervista?

    In caso positivo potete contattarmi a italiansinfuga@gmail.com

    Grazie

    Aldo

    ReplyDelete
  4. La mia compagna ed io stiamo realizzando un documentario sui giovani italiani all'estero ed abbiamo bisogno di te!!! registra un breve video ed inoltracelo!!! oppure condividi ed aiutaci a trovare persone!!! http://rinascitadiunanazione.wordpress.com/oggi/giovani-italiani-smarriti/

    ReplyDelete
  5. Che bravi i tuoi figli a fare quel bellissimo lavoro con il Das! Complimenti!
    Ho scoperto il vostro blog questa sera per caso ma vi seguirò ancora. Grazie per la condivisione della vostra esperienza, che arricchisce noi che restiamo qui

    ReplyDelete
    Replies
    1. Purtroppo non hai lasciato un tuo nome. Comunque grazie!

      Delete
  6. Complimenti per il blog !
    Io seguo un Blog sull'Vivere in Danimarca con famiglia, non voglio fare SPAM qui da te, se possiamo sentirci mattia.musiello@gmail.com, magari uno scambio link o esperienze :D

    ReplyDelete
  7. Ciao, che bello conoscerti! unite oltre che nell'esperienza anche dal freddo! ahahahah!!
    inizierò a seguirti con piacere!
    Greta

    ReplyDelete
  8. Ciao Mum & Dad. mai stato un appassionato di blog ma, forse perchè è proprio l'argomento che mi interessa, forse perchè ho parenti eporediesi, forse perchè è tenuto molto bene ... non mi perdo un post!

    Poichè c'è la possibilità che qualcosa di simile si possa presentare alla mia famiglia, possiamo sentirci offline? paolo.dellarocca@gmail.com

    ReplyDelete
  9. Ciao a tutti mi chiamo daniele sono un ragazzo di 21 anni e vorrei anke io fare un'esperienza negli USA... vorrei qualke informazioni per aiutarmi a capire meglio come funziona il lavoro li.per contattarmi gda10@hotmail.it

    ReplyDelete
  10. ho letto il vostro blog, quanta invidia!!!la voglia di fuggira da questa italia è tanta, ma aihme non sappiamo da dove incominciare. tnata buona fortuna - il mio sogno sarebbe viverein un paesino americano e aprire una piccola attività artigianale cucina e pasticceria siciliana, ma la vedo dura.-
    ciao e ancora complimenti

    ReplyDelete
  11. Vi seguiamo da un po' e non sempre riusciamo a lasciare un nostro commento... per cui abbiamo pensato di assegnarvi un premio come segno della nostra stima ...
    Immagino che ne abbiate ricevuti molti e chiaramente non vi chiediamo di rispettare tutte le regole, ma quando e come vi va ci farebbe piacere passaste a ritirarlo da noi: http://genitorimeglioconinternet.blogspot.it/2013/04/il-primo-premio-della-famiglia-3g.html

    A presto!

    Giusy&Gio

    ReplyDelete
  12. Ciao,
    sono Silvia e circa un anno fa ho aperto il blog A piccoli passi www.apiccolipassi.eu E' un blog in cui si parla di infanzia, maternità e psicologia a 360°. Ho appena aperto la sezione interviste e mi piacerebbe presentare sottoforma di intervista i blog delle mamme. Attraverso questo modo simpatico è possibile conoscere realtà diverse, confrontarsi e riflettere.
    Se ti interessa contattami a collaborazioni@apiccolipassi.eu! Scusa il luogo, ma non ho trovato una mail diretta dove contattarti.

    A presto,

    Silvia

    ReplyDelete
  13. Ho scoperto questo blog per caso! Sono uno che ti seguiva anche ai tempi di spritz.it,ci scrivevamo spesso:).
    E' bello leggere quante avventure nuove hai e stai affrontando:). SALUTI MARCO:)

    ReplyDelete
  14. ciao,mi chiamo flavia,ho 30 anni e 5 figli..con mio marito stiamo valutando moooolto seriamente l'idea di trasferirci negli usa,nel wisconsin,e stavamo vedendo posti tipo fox point o sherewood..ora la mia domanda..potresti darmi qualche dritta??i bimbi hanno tra gli 8 anni e i 4 mesi..ti ringrazio e ti lascio una mia email nel caso in cui potrai e vorrai rispondermi..flaviafurnari83@gmail.com

    ReplyDelete
  15. Ciao, presto ci trasferiremo in modo definitivo negli USA. La multinaz. dove lavora mio marito, gli ha offerto un posto come responsabile di tutto il nord America. Andremo in Michigan e non vediamo l'ora di andarcene dall'Italia. Auguro a tutti voi pinguini, una bellissima vita.
    greta

    ReplyDelete
  16. Ciao, presto ci trasferiremo in modo definitivo negli USA. La multinaz. dove lavora mio marito, gli ha offerto un posto come responsabile di tutto il nord America. Andremo in Michigan e non vediamo l'ora di andarcene dall'Italia. Auguro a tutti voi pinguini, una bellissima vita.
    greta

    ReplyDelete
  17. Ciao, il mio compagno lavora per il governo americano e si sta per trasferire in Wisconsin da Vicenza. Io ho due figlie da precedente matrimonio e siamo molto combattute specialmente la mia figlia più grande di 11 anni. Non lo vogliamo perdere perché da 5 anni si è dimostrato un padre fantastico ma le mie figlie parlano poco inglese e non vogliono lasciare la scuola italiana. Io invece lavoro già per Bank of America e per me non sarebbe questo gran trauma dato che ho vissuto in America per 3 anni ma perderei un bel lavoro e sono veramente spaventata. Non ho nessuna esperienza per quanto riguarda la scuola li e sono preoccupata per le miei figlie. Chi potesse darmi qualche aiutino o suggerimento mi scriva al alessandrapellizzari@hotmail.com. Il paese è Sparta mi pare. Grazie in anticipo

    ReplyDelete