Sunday, April 2, 2017

Effetti collaterali

Ricordo ancora quel giorno: una tiepida mattina di aprile, il sole splendeva. Da qualche tempo avevo cominciato la ricerca di una casa perché stare in affitto ci pareva di buttare via i soldi.
Entro in questo appartamento che si affacciava sul parco.
Il soggiorno mi accoglie con un caldo e luminoso abbraccio. Ampio, luminoso.
Me ne innamoro immediatamente. Ma avevo paura: mi ero innamorata anche di un'altra casa ma non avevamo concluso. E questa era molto più bella. Affacciata sul parco. Già immaginavo le festicciole dei bambini e le cene con i nostri amici (che ancora non avevamo).

Ad agosto del 2002, 3 mesi dopo la nascita della nostra secondo-genita, questa diventa la nostra casa.
In nove anni abbiamo accolto tantissima gente: compleanni, cene, feste, pizzate, polentate, riunioni dei genitori. Il tè pomeridiano con le mie amiche... con la mia Amica.

Ormai da quando ci siamo trasferiti qui in USA, era più un costo che altro. Ci andavamo per 3-4 giorni l'anno. Avevamo un'amica che andava a prendere la posta e la controllava.

Nonostante ciò... il pensiero che oggi Big Papi è lì per svuotarla e venderla ci intristisce.
E' un capitolo che si chiude. Un capitolo meraviglioso e importante.

Sinceramente non pensavo mi avrebbe incupito tanto. Nei mesi precedenti ho contattato tanti amici per evitare di buttar via tutto. Soprattutto la cucina...



Ho amato tanto quella cucina!

Presa dal coordinare il nostro "emporio" (l'abbiamo battezzato così io e la mia amica!) non mi sono concentrata sugli "effetti collaterali" dello svuotamento. Ho realizzato oggi, mentre Big Papi ci faceva vedere in diretta la casa svuotata...  
CHE TRISTEZZA!

Grazie. Spero tu dia ai nuovi padroni la stessa gioia che hai dato a noi.

4 comments:

  1. Ho provato una stretta al cuore solo leggendoti.. sarà che mi affeziono molto alle cose, di solito! E' comunque un buon segno: significa che in USA le cose vanno bene :) è davvero una bella casa, comunque, dalle foto! Non avete pensato di affittarla? Ciao, Nicoletta

    ReplyDelete
  2. Cara Ranata, ti capisco perche` era stato duro vendere il nostro quando il trasferimento negli USA era diventato piu` stabile e anche se fossimo tornati la nostra casa non sarebbe stata piu` adatta alla nostra famiglia di tre. Rimangono i ricordi, quelli nessuno te li puo` togliere.! Una abbraccio. PS: ho perso il tuo numero di tel. Quando sono passata a UWM ho scoperto che la maggior parte dei miei contatti era legato all'account di MU e chiuso quello..sono andati via dal mio cellulare. mandami un messaggio con il tuo numero. volevo contattarti, ma non ho piu` modo.

    ReplyDelete
  3. Sappiamo bene cosa si prova, ci si affeziona alle cose che ci accompagnano durante le nostre vite ma... sono i ricordi che ci legano a quei periodi, e quelli saranno sempre con voi.
    Vi lovviamo, amica cara!

    ReplyDelete