Sunday, April 14, 2013

Ogni promessa...

Come vi ho promesso, eccomi a raccontarvi gli eventi dell'ultimo periodo. Ma uno per volta altrimenti non avete più la scusa per venirmi a trovare nei prossimi giorni!

Customized Learning

Il preside della scuola di mia figlia è veramente una persona particolare. Abbiamo avuto modo di appurarlo fin dai primi giorni dopo che l'abbiamo conosciuto. Tiene particolarmente ai suoi studenti e quindi alla sua scuola. Quando martedì scorso sono andata all'ultima riunione della PTA (Parents Teachers Association), mi sono commossa... già sapevo di trovarmi in una scuola davvero speciale e quasi unica. Ma ora... sono dispiaciuta del fatto che mia figlia sia già in 5^ e che il prossimo anno non potrà prendere parte a questo nuovo sistema di apprendimento.
Si tratta di un sistema sperimentale ideato da Sir Ken Robinson, di Liverpool. Quest'idea è piaciuta al CCSSO (Council of Chief State School Officers) e sono stati scelti 7 Stati campione per avviare questo progetto: Kentucky, Maine, New Hampshire, New York, Ohio, West Virginia Wisconsin. All'interno di ciascuno Stato, sono stati selezionati alcuni distretti scolastici idonei e i distretti hanno poi, al loro interno, selezionato le scuole che sicuramente sarebbero state in grado di portare avanti l'idea. Nel nostro distretto le scuole selezionate sono 2. 

Il tutto si fonda sul principio di Charles Kettering secondo cui c'è una sostanziale differenza fra conoscere una cosa e capirla.

Provo a farvi capire di cosa si tratta. PROVO!

Si tratta di APPRENDIMENTO personalizzato. Ribadisco: APPRENDIMENTO. NON insegnamento. L'insegnante non è più colui che sta davanti ai banchi per ore e ore e riempie le teste di nozioni, delle quali solo una piccola parte resterà attaccata in qualche modo alla materia grigia dei ragazzi. 
Gli insegnanti sono più di uno. Almeno 3.
Ad inizio anno creeranno per ciascuno studente, in base ad un PROFILO DI APPRENDIMENTO (devo farmelo dare per completare questo documento), un PERCORSO DI APPRENDIMENTO PERSONALIZZATO, basato non sui suoi voti ma sulle sue capacità di apprendimento, sul suo sistema di apprendimento. Fornendo i supporti idonei per l'apprendimento.
Lo studente non sarà più un individuo lasciato solo ma ci sarà il lavoro di gruppo basandosi sul fatto che ciascuno studente è in grado di apportare le proprie conoscenze al resto della classe. 
Ogni studente partirà da un punto diverso di apprendimento, seguirà un percorso differente, ma arriverà alla stessa conclusione. Con i suoi tempi. 
Ci sarà quello con la memoria fotografica, quello che apprende in fretta e quello che ci mette più tempo, quello che ha bisogno di stare in piedi e quello che preferisce stare sdraiato per terra o su una sedia a dondolo. Quindi anche l'aula non sarà più con i banchi a cui stare seduti ore e ore, ma sarà un ambiente più confortevole, quasi una camera. Anche il bambino che soffre di ADHD (Attention deficit hyperactivity disorder), non sarà più limitato nel movimento.

L’APPRENDIMENTO PERSONALIZZATO è un sistema che
Riconosce e risponde all’unicità di ciascun individuo
Deve essere flessibile sul dove, come e quando l’apprendimento avviene
Coinvolge anche i genitori
Vede gli isegnanti come FACILITATORI DI APPRENDIMENTO
E' grandemente supportato dalla tecnologia
Si focalizza sui risultati finali dell’individuo più che sulle informazioni fornitegli


Alla fine ogni individuo sarà più coinvolto nello scambio di informazioni, avrà una maggior padronanza dell'apprendimento, migliorerà il proprio sistema di indagine e soluzione dei problemi, e perderà il desiderio di arrendersi.

Per avere un'idea di come funziona, eccovi un video di una scuola a poche miglia da Kenosha che già usa questo sistema: Walker Elementary

Spero con tutto il cuore di poter assistere a questa rivoluzione il prossimo anno come osservatrice, anche se mia figlia sarà ormai alle medie. 

E penso anche a me stessa: forse sarebbe stato diverso se io stessa, come studente, avessi avuto queste opportunità.


Buon proseguimento. 

Prossimamente il resoconto della festa che si è svolta venerdì nella suddetta scuola. E molto altro ancora di cui parlare!

6 comments:

  1. Interessante l'apprendimento personalizzato. Quello che mi convince meno è la strutturazione e le regole condivise. Fare parte di una comunità, scolastica o meno, comporta delle regole comuni da rispettare, C' è il momento di stare seduti e quello di stare in piedi, di stare a giocare o altro. Sono le prove tecniche di convivenza civile che poi dovremmo saper rispettare da grandi.
    La validità del nuovo metodo si vedrà solo tra qualche anno quando gli studenti che s'iscriveranno al college avranno un istruzione migliore e meno traumi d'apprendimento, nonché una buona capacità d'adattamento all'ambiente. Non sempre troveranno nella vita , ambienti che si adattano a loro!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Questo succede anche ora, eccome se succede!

      Delete
  2. molto interessante....ely

    ReplyDelete
  3. Succede anche ora eccome, questo perchè la nostra società proteggere esageratamente i bambini. Per tornare alla scuola, si è passati dall'autorità assoluta degli insegnanti alla deprivazione del suo ruolo, con genitori che s'intromettono tutte le volte che il loro piccolo reclama.
    Spero davvero che la vostra sperimentazione porti a una scuola migliore.

    ReplyDelete
  4. Lode a Charles Kettering e a chi ha scelto di seguire questo metodo, che credo avrà buoni risultati nel tempo, le premesse sembrano ottime!

    ReplyDelete