Thursday, November 15, 2012

I pinguini e la tradizione del Natale



Ho un ricordo nitido e piacevole della tradizione natalizia di casa mia.
L’8 Dicembre era il giorno in cui si cominciavano gli allestimenti: si andava a prendere l’albero al vivaio, poi si andava nel bosco di Montenavale a prendere il muschio. A casa allestivamo l’albero, mia sorella e mio papà erano gli addetti al controllo luci: ogni anno c’erano delle luci da sistemare! Poi con il muschio facevamo il presepe e aggiustavamo le statuine di gesso rotte.
Quello era il giorno in cui cominciavano gli allestimenti natalizi anche nelle città e tutto si illuminava. Si scriveva la letterina a Babbo Natale...
Non come ora che è tutto in plastica, gli alberi si comprano già fatti, il muschio finto, le statuine in plastica e tutto è pronto a metà novembre...
Poi, si partiva per Roma: prenotavamo un’intera cuccetta essendo noi in 6 e si partiva. La mattina del 23 si arrivava a Roma e si andava diretti a casa di mia nonna. Era lì, seduta sul letto che ci aspettava!
E i preparativi fervevano con tanta gente. Se andava bene eravamo in 14 a tavola ma ricordo di una volta che eravamo 21.
Facevamo il cenone della vigilia, dopo cena giocavamo a 7 e ½ e a tombola e poi, poco prima di mezzanotte, tutti i bambini via! Chiusi in una stanza perché non dovevamo vedere Babbo Natale altrimenti la magia finiva!
Quando Babbo Natale andava via ci chiamavano e ci mettevamo in fila dalla più piccola (io) al più grande (mio cugino Marco) cantando Tu scendi dalle stelle. Entravamo in una sala piena di regali raggruppati per ciascuno di noi.
Il giorno di Natale si andava a messa, poi si pranzava col brodo e gli avanzi e poi si andava in giro per Roma.
Rientravamo a casa dopo capodanno.
Poi siam cresciuti e la comparsa di fidanzati/e ha reso sempre più complicata la logistica della partenza. Così abbiamo cominciato a festeggiarlo a casa nostra. Il cenone della vigilia a base di pesce è rimasta una tradizione indissolubile. Sempre uguale: poco prima di mezzanotte i bambini sparivano e tornavano cantando Tu scendi dalle stelle.

Ora si festeggia nella tavernetta dei miei genitori. Ma siamo cresciuti così, per non caricare mia mamma di troppo lavoro, ci dividiamo il menù e ognuno prepara qualcosa.
Quei bambini in fila che cantano “Tu scendi dalle stelle” ora sono i nostri figli.
E la tradizione, così, non si perde e passa di generazione in generazione.

Ma intanto, essendo negli USA, ci prepariamo a festeggiare il Thanks Giving, settimana prossima, a casa di un’amica.

-------------------------------------------------------------------------
Questo post partecipa alla staffetta tra blogger che ogni 15 del mese parlano dello stesso tema ognuno a modo suo! Ecco l’elenco dei blog partecipanti:


Casa Organizzata - www.4blog.info/casaorganizzata
Samanta Giambarresi - http://samantagiambarresi.wordpress.com/
Sanzio e Monica Tosi - www.monicc.wordpress.com
Parola di Laura http://paroladilaura.blogspot.it Una Mamma nel Web http://unamammanelweb.blogspot.it
Bimbiuniverse http://bimbiuniverse.blogspot.com
Original watercolour paintings and more www.francescalancisi.blogspot.com
simona elle - http://www.simonaelle.com/
stellegemelle - http://www.stellegemelle.com/
Cristina - http://udinelamiacittaenonnapina.blogspot.it
Io mi piaccio http://iomipiaccio.blogspot.com
Pattibum http://pattibum.wordpress.com/tag/di-blog-in-blog-2/
Accidentaccio http://accidentaccio.blogspot.com
Gina Barilla - http://ginabarilla.blogspot.it
Home sweet home - www.homesweethome00.blogspot.com
Quello Che Una donna Dice-http://quellocheunadonnadice.blogspot.it/
Anna Disorganizzata - http://disorganizzata.blogspot.com/
Design Therapy - http://www.designtherapy.it/
fiori e vecchie pezze - http://fiorievecchiepezze.wordpress.com
ParoleCheNonHoDetto - http://parolechenonhodetto.wordpress.com/
Ma la notte no! - http://www.ma-la-notte-no.blogspot.it/
Il mondo di Cì - http://ilmondodici.blogspot.it/
Uberti Debora  http://crescereduegemelli-debora.blogspot.it
Passe-partout http://partoutml.blogspot.it/search?q=staffetta
mamma studia http://www.mammastudia.blogspot.it/
Il blog di mammaGabry http://leoperedimammagabry.blogspot.it/
Viaggi e Baci: www.viaggiebaci.wordpress.com
Per mille cammelli! http://permillecammelli.blogspot.it/
Passavosullaterraleggera - http://passavosullaterraleggera.blogspot.it/
Il caffè delle mamme http://www.ilcaffedellemamme.it/tag/di-blog-in-blog/
Essenza Burrosa http://curwitchlicious.blogspot.it/search/label/staffetta
I Viaggi dei Rospi http://www.iviaggideirospi.com/
Vivere a piedi nudi http://vivereapiedinudi.blogspot.it/
Diario magica avventura: http://lamiadolcebambina.blogspot.it/
Con le Mani nel Sacher: http://www.conlemaninelsacher.blogspot.it/
GocceD'aria: http://www.goccedaria.it/tag/staffetta%20blog.html
IlMioSuperpapà: http://ilmiosuperpapa.blogspot.it/
La casa sulla scogliera: http://www.lacasasullascogliera.blogspot.it
Home-Trotter: http://www.home-trotter.blogspot.it
Bloc-Notes Ostuni http://www.ostunimagazine.com
Gina Barilla - http://ginabarilla.blogspot.it
Gaia - http://gaia-racconta.blogspot.it
Olga Picara http://hobbyimpara.blogspot.it
Mammerri www.mammerri.com
Pesempremamma http://persempremamma.blogspot.it/
Verdeacqua http://ahsonounamamma.blogspot.it/
Elegraf http://elegraf77.blogspot.it/
MAMMACHECASA! http://mammachecasa.blogspot.co.uk/
Bodò. Mamme con il jolly http://www.bbodo.it/tag/di-blog-in-blog/
Cardamom http://www.designcardamom.blogspot.it/UnaNessunaCentomila http://scrivodiciochevivo.blogspot.it/
Chef Home Made http://thechefhomemade.blogspot.it/
Priorità e Passioni http://prioritaepassioni.blogspot.it/
Mammefaidate: http://mammefaidate.blogspot.it/
Idea Mamma: www.ideamamma.it
Il Pampano:http://ilpampano-designbimbi.blogspot.it/
 

19 comments:

  1. che bello leggere di questi ricordi!

    ReplyDelete
  2. Che bel post!
    Mi sembra di vederli, quei bambini che cantano...
    Un canto così bello ed antico che lo ricordo anche io, perfettamente!
    Baci e Buon Natale!
    Elli

    ReplyDelete
  3. Grazie per aver condiviso questo momento familiare così intimo e speciale!

    ReplyDelete
  4. Più leggo i post e più scopro ricordi diversi... Che bello!
    Ps: ma tornate sempre in Italia per Natale?

    ReplyDelete
  5. No, l'anno scorso siamo rimasti qui.

    ReplyDelete
  6. Benvenuta nella staffetta! Anche se io questa volta non ho partecipato... ma ti ho passato il testimone ;-)

    ReplyDelete
  7. Il tuo racconto è commovente, hai dei bellissimi ricordi e una bella tradizone da tramandare.

    ReplyDelete
  8. Tu scendi dalle stelle è sempre stata la mia preferita. :)) ciao Paola

    ReplyDelete
  9. Bello, bello, bello!!! Io suonavo al piano Tu scendi dalle stelle e gli altri cantavano.. Ora in famiglia siamo rimasti in pochini, ma quando suono il piano li sento cantare ancora tutti.

    ReplyDelete
  10. Bellissimo il tema di questo mese perchè ci permette di vivere in prima persona tanti ricordi sul natale! brava

    ReplyDelete
  11. Indimenticabili le processioni con le stelline di fuoco e tu scendi dalle stelle...

    ReplyDelete
    Replies
    1. È vero... Ho dimenticato le stelline... :(

      Delete
  12. Emozionante *_* non ci sono ricordi più dolci dei bei momenti passati in famiglia!

    C2C

    ReplyDelete
  13. Ricorda anche il Natale di casa mia, solo che noi mettevamo il disco , poi c'era sempre uno dei bambini che si sentiva male e vomitava...Anche noi numerosi, minimo 15...
    Preparatevi allo shock di Thanskgiving a casa di americani, se andate da loro, schifezze di patate dolci con marshmallows e altri obbrobbri. meno male ch eil tacchino, le patate e le pies son sempre buoinissimi...Baci

    ReplyDelete
  14. Mi hai fatto ricordare un Natale in cui io e i miei cugini (sui 5-8 anni) siamo stati costretti a salire uno per uno sulle sedie a cantare canzoncine ... :)

    ReplyDelete
  15. Invidio un pochino chi sa fare menù di pesce alla Vigilia, anche se amo molto la tradizione della mia famiglia ove si mangiano tortellini in brodo e altre golosità che sono raccontate benissimo in un film di Pupi Avati. Un paio di anni fa abbiamo cucinato un rombo che è venuto una meraviglia, però, mannaggia, non ricordo la ricetta...

    ReplyDelete